Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/9053
Title: La didattica speleologica nel Veneto
Authors: Gasparetto, Paolo
Keywords: SpeleologiaDidatticaComunicazioneVenetoLaboratoriMuseiSpeleologyEducationCommunicationVenetoLaboratoriesMuseums
Issue Date: 2013
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Paolo Gasparetto, "La didattica speleologica nel Veneto" in: Franco Cucchi e Pino Guidi (a cura di), "Diffusione delle conoscenze: Atti del XXI Congresso Nazionale di Speleologia, Trieste, 2-5 giugno 2011", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2013, pp. 137-143
Abstract: La didattica speleologica in Veneto si è sviluppata seguendo le linee guida determinate dalla Federazione Speleologica Veneta fin dal suo atto costitutivo. Con il concorso dei finanziamenti determinati dalla Legge Regionale n. 54/80 si è evoluta in forma sempre più importante raggiungendo un numero di utenti considerevole. Il numero delle uscite totali, proiezioni, accompagnamenti di scuole e di varie altre organizzazioni ha raggiunto quote impensabili solo fino a qualche decennio fa sviluppandosi con diverse motivazioni in linee didattiche diversificate che presuppongono anche approcci tecnologici non banali (esempio la produzione documentaristica in 3D sviluppata dalla commissione fotografica FSV). Un grande impulso a questa attività, oltre che dalla determinazione dei singoli e dei gruppi speleologici, è stato dato dall’ideazione e costruzione di numerose strutture fisse quali i laboratori di biospeleologia, il museo, le grotte attrezzate. Questo scritto elaborato dai testi e dalla traccia della presentazione in Ppt è un sunto del perché, come, quando e quanto è stato fatto e quanto dovrà essere fatto per sviluppare sempre più un argomento di primaria importanza per la Speleologia nel suo insieme.
Speleological education in the region of Veneto has been developed following guidelines determined by the Veneto Speleological Federation since its constitutive act. With the help of funding provided by the Regional Law No. 54/80, it has become increasingly more important, reaching a considerable number of users. The amount of total expenditure, projections, and accompaniments of schools and various other organizations has reached a level that was unimaginable until a few decades ago, which has been developed for different reasons along diversified educational lines using non-trivial technological approaches (e.g. documentary productions in 3D developed by the FSV photographic commission). A great impetus was given to this activity, as well as from the determination of individuals and caving groups, by the conception and construction of many permanent facilities such as bio-speleological laboratories, a museum and equipped caves. This work, which has been prepared from the texts of the ppt. presentation, is a summary of why, how, when and how much has been done, and how much still has to be done in order to develop this topic that is of primary importance to caving as a whole.
URI: http://hdl.handle.net/10077/9053
ISBN: 978-88-8303-502-9
Appears in Collections:Diffusione delle conoscenze: Atti del XXI Congresso Nazionale di Speleologia

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
27_Sessione-V-SessioneDidattica_Gasparetto.pdf618.18 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons