Realizzazioni testuali ibride in contesto europeo. Lingue dell’UE e lingue nazionali a confronto : [10] Collection home page

Browse
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Il progetto Realizzazioni testuali ibride in contesto europeo, finanziato dall’Università di Trieste, è volto a valutare se e come le varianti “comunitarie” di alcune lingue europee (l’inglese, l’italiano e lo spagnolo) differiscano dall’uso linguistico all’interno dei confini nazionali. I saggi in questo volume sono il risultato della parte più applicativa del progetto e conducono un confronto tra generi testuali comunitari e generi testuali paragonabili prodotti nei Paesi membri. Lo scopo è valutare almeno alcuni aspetti derivanti dall’ibridazione determinata dal contesto multilingue delle istituzioni europee, nella presunzione che questa ibridazione abbia una certa influenza sulle lingue nazionali. Se è infatti certo che molti testi, soprattutto normativi, prodotti dall’UE hanno un impatto diretto sulla vita dei cittadini, è sicuramente ipotizzabile che ne possano influenzare anche le aspettative testuali e le abitudini linguistiche.

The research project Hybrid Texts Types in a European Context, funded by the University of Trieste, was aimed at describing the possible differences between the EU and national varieties of three languages (English, Italian and Spanish) as observed in selected genres and text types. The essays collected in this volume report on studies applying the theoretical tenets of the research. The studies contrast corpora of texts drafted within EU institutions (a multilingual environment) with comparable corpora of texts produced in the relevant member states. The purpose is to characterize the hybrid features emerging in multilingual contexts and the influence they may be exerting on similar texts produced at national level. Many EU texts – particularly those of a regulatory nature – are known to have a direct practical impact on the lives of European citizens; from a linguistic point of view, these texts may be changing their expectations in terms of textual structure and language usage.

Stefano Ondelli è ricercatore di Linguistica italiana nel Dipartimento di Scienze giuridiche, del linguaggio, dell’interpretazione e della traduzione dell’Università di Trieste. Si è occupato di italiano L2, della produzione linguistica di interpreti e traduttori, dell’italiano giuridico-burocratico e delle istituzioni europee, della lingua dei giornali e dei problemi legati alla scrittura professionale.