Massimario di selezione dei documenti inerenti al fascicolo di personale universitario : [1] Collection home page

Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per gli archivi; Consorzio interuniversitario sulla formazione - COINFO
Massimario di selezione dei documenti inerenti al fascicolo di personale universitario

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Issue DateTitleAuthor(s)
2013Massimario di selezione dei documenti inerenti al fascicolo di personale universitarioMinistero per i Beni e le Attività culturali. Direzione generale per gli archivi; COINFO Consorzio interuniversitario sulla formazione
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Il Massimario di selezione dei documenti inerenti al fascicolo di personale universitario è il primo dei due mezzi di corredo dedicati al “fascicolo di persona” degli atenei italiani. Si tratta di uno strumento gestionale previsto espressamente dalla normativa italiana vigente (ex multis, DPR 445/2000). Infatti, al pari delle altre amministrazioni pubbliche, le università sono chiamate ad armonizzare i tempi di conservazione dei documenti, selezionando quelli destinati alla conservazione permanente e quelli destinati all’eliminazione legale. L’innovazione cruciale di questo Massimario, frutto del lavoro svolto nel corso del progetto di formazione-intervento di UniDOC 2012, è l’integrazione con la tabella dei procedimenti amministrativi, degli affari e delle attività poste in essere dall’amministrazione universitaria italiana. È stato approvato dal Ministero per i beni e le attività culturali nel maggio 2013 e, pertanto, è utilizzato dalle università aderenti allo standard nazionale Titulus 97 (autonomia non significa anarchia) come mezzo di corredo prodromico a qualsiasi intervento di selezione sui documenti dei fascicoli di personale, anche al fine di ottenere la prescritta autorizzazione ministeriale per lo scarto (D.Lgs. 42/2004, art. 21).