Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/9537
Title: Sulle rotte del Mediterraneo. Infrastrutture e vie di comunicazione nel Mare Nostrum dall’antichità ad oggi
Authors: Savasta, Carlo
Keywords: Porti franchi nell'antichitàVie di comunicazione nel Mare Nostrum
Issue Date: 2010
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Carlo Savasta, "Sulle rotte del Mediterraneo. Infrastrutture e vie di comunicazione nel Mare Nostrum dall’antichità ad oggi" in: Trasporti. Diritto, economia, politica, 110 (2010), pp. 9-16
Abstract: Le scoperte geo-etnografice finanziate dai grandi sovrani di Egitto e di Persia, piuttosto che tessere il disegno di singole occupazioni territoriali, erano intese a costituire una grande e complessa rete di relazioni. Ma fu poi Roma a dare massimo impulso alla navigazione infra-mediterranea, fornendo per la prima volta autorevoli risposte politiche e militari alle esigenze che tutt’oggi caratterizzano i traffici navali in quest’area del pianeta: all’insegna del principio “navigare necesse est”, i Romani imposero il concetto di sicurezza marittima, sgominando i pirati che rendevano in precedenza le rotte insicure e pericolose, e quello di liberalizzazione dei traffici commerciali, della pesca e della nautica da diporto, trasformando un mare ampio e bellicoso in un tranquillo lago interno brulicante di vita. Pompeo uccise 10.000 pirati e fu soprannominato dai Romani “pacificatore del mare”. Sembra incredibile che 2000 anni dopo, nonostante tecnologie belliche da fantascienza, le attuali superpotenze non riescano a fare altrettanto nel Golfo Persico. Altra rotta importante del Medioevo fu quella delle crociate, dal Nordovest verso la Terrasanta; anche lungo questa rotta lo Stretto di Messina ebbe un ruolo fondamentale, come attestato dall’edificazione dell’Ospedale dei Cavalieri Templari in Messina, oggi Chiesa sconsacrata di S. Maria Alemanna, tra i più antichi esempi di gotico siciliano. La fortuna dei porti franchi di Livorno, Ancona, Nizza e Trieste dipese – come capirono gli stessi che li promossero – non solo dalle franchigie doganali, ma anche dalla forza di attrazione da essi esercitata verso capitali e mercanti, di cui Genova e Venezia disponevano in larga misura.
URI: http://hdl.handle.net/10077/9537
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 110 (2010)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
2010_110_TRASPORTI_SAVASTA.pdf226.72 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,074
checked on Mar 18, 2019

Download(s)

603
checked on Mar 18, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.