Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/9854
Title: A proposito dei matrimoni fra indigeni e coloni ad Aquileia, comunità di frontiera. Le pietre ‘raccontano’…
Authors: Chiabà, Monica
Issue Date: 2014
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Monica Chiabà, A proposito dei matrimoni fra indigeni e coloni ad Aquileia, comunità di frontiera. Le pietre ‘raccontano’…, in: Monica Chiabà (a cura di), HOC QVOQVE LABORIS PRAEMIVM. Scritti in onore di Gino Bandelli. Trieste, EUT - Edizioni Università di Trieste, 2014, 83-98
Series/Report no.: Polymnia: Collana di Scienze dell'Antichità. Studi di Storia romana
3
Abstract: 
Lo studio sistematico dei nomi delle famiglie aquileiesi di età repubblicana, condotto
su base prevalentemente epigrafica, ha consentito di formulare alcune ipotesi sull’origo delle
gentes deductae e di precisare alcune modalità di integrazione fra i coloni del 181 e del
169 a.C. e gli autoctoni. In questo contributo si prendono in esame alcune iscrizioni che
potrebbero documentare, ancora su base onomastica, eventuali matrimoni misti fra indigeni
(ex incolae divenuti prima coloni poi municipes) e gli esponenti della compagine romanolatino-
italica (o i loro discendenti). Il fatto di trovarci ad Aquileia, in origine fondazione di
diritto latino in una terra di confine fra i Veneti e i ‘barbari’ Galli, Istri e Illiri, rende molto
più complesso questo tipo d’indagine e vari gli esiti.

The systematic study of the names of the families documented in Aquileia in the republican
age, based on epigraphic evidence, allows to formulate some hypotheses on the origo of the gentes
deductae and clarify certain mode of integration between the coloni of 181 and 169 BC
and the natives. In this paper I focus on some inscriptions that could document, on the basis of onomastics, patterns of intermarriage between local inhabitants ( former incolae become first
coloni then municipes) and colonists (or their descendants). The fact that we find in Aquileia,
originally founded as Latin colony in a borderland between the Veneti and the ‘barbarian’
Galli, Histri and Illyrii, makes this type of investigation much more complex and produces
different results.
Type: Book
URI: http://hdl.handle.net/10077/9854
ISBN: 978-88-8303-552-4
eISBN: 978-88-8303-560-9
Appears in Collections:03. Hoc quoque laboris praemium. Scritti in onore di Gino Bandelli

Files in This Item:
File Description SizeFormat
CHIABÀ.pdf663 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 20

671
checked on Nov 27, 2020

Download(s) 50

925
checked on Nov 27, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons